Pro e contro del DSM nella diagnosi di salute mentale

Pro e contro del DSM nella diagnosi di salute mentale
4.5 (90.26%) 39 votes

Attualmente alla sua quinta edizione (il DSM) viene a volte indicato come la bibbia del terapeuta. All'interno delle sue coperture ci sono specifici criteri diagnostici per i disturbi mentali, oltre a una serie di codici che consentono ai terapeuti di sintetizzare facilmente condizioni spesso complesse per le compagnie di assicurazione e altre applicazioni di riferimento rapido.

Questo metodo offre una serie di vantaggi, come la standardizzazione delle diagnosi tra diversi fornitori di trattamento. Ma sempre più spesso, i professionisti della salute mentale stanno prendendo in considerazione gli svantaggi, inclusa la possibilità di un'eccessiva diagnosi.

Un articolo del 2011 su Salon.com audacemente proclamato, "i terapeuti si ribellano alla bibbia della psichiatria". Per capire il dibattito, è prima necessario capire cosa sia e cosa non sia il DSM.

Storia del DSM

Sebbene le sue radici siano rintracciabili alla fine del XIX secolo, la standardizzazione delle classificazioni delle malattie mentali prese piede negli anni immediatamente successivi alla seconda guerra mondiale. Il Dipartimento per gli affari dei veterani degli Stati Uniti (allora noto come Veterans Administration, o VA) aveva bisogno di un modo per diagnosticare e trattare i membri del servizio di ritorno che avevano una vasta gamma di problemi di salute mentale.

Usando gran parte della terminologia sviluppata dalla VA, l'Organizzazione Mondiale della Sanità pubblicò presto la sua Classificazione Internazionale delle Malattie (ICD), la sesta edizione, che per la prima volta incluse. Sebbene questo lavoro rappresentasse alcuni dei primi standard per la diagnosi della salute mentale, era tutt'altro che completo.

DSM-I e DSM-II

Nel 1952, l'American Psychiatric Administration (APA) pubblicò una variante dell'ICD-6 specificamente progettata per l'uso da parte di medici e altri fornitori di trattamenti.

Il DSM-I era il primo del suo genere, ma gli esperti erano d'accordo sul fatto che aveva ancora bisogno di lavoro. Il DSM-II, pubblicato nel 1968, ha risolto alcuni difetti di progettazione, incluso l'uso di termini confusi e la mancanza di criteri chiari per distinguere tra alcuni disturbi. Anche il DSM-II ha ampliato il lavoro.

DSM-III

Pubblicato nel 1980, il DSM-III rappresentava un cambiamento radicale nella struttura del DSM. È stata la prima versione a introdurre elementi ormai comuni come il sistema multiasse, che considera l'intero profilo psicologico del cliente e criteri diagnostici espliciti. Ha anche rimosso gran parte del pregiudizio delle versioni precedenti verso lo psicodinamico, o, sebbene a favore di un approccio più neutrale.

Sebbene il DSM-III fosse un lavoro pioneristico, l'utilizzo nel mondo reale ha presto rivelato i suoi difetti e limiti. Confondere criteri diagnostici e incongruenze ha portato l'APA a sviluppare una revisione. Alcuni di questi cambiamenti erano basati sul cambiamento delle norme sociali. Ad esempio, nel DSM-III, l'omosessualità è stata classificata come "disturbo dell'orientamento sessuale".

Alla fine degli anni '80, tuttavia, l'omosessualità non era più vista come un disturbo, sebbene l'angoscia e l'angoscia riguardo all'orientamento sessuale lo fossero. Il DSM-III-R, pubblicato nel 1987, ha risolto molte delle difficoltà interne del lavoro precedente.

DSM-IV e DSM-5

Pubblicato nel 1994, il DSM-IV riflette numerosi cambiamenti nella comprensione dei disturbi della salute mentale. Alcune diagnosi sono state aggiunte, altre sottratte o riclassificate. Inoltre, il sistema diagnostico è stato perfezionato ulteriormente nel tentativo di renderlo più user-friendly.

Il DSM-5, pubblicato a maggio 2013, riflette un altro cambiamento radicale nel modo di pensare nella comunità della salute mentale. Le diagnosi sono state modificate, rimosse o aggiunte e la struttura organizzativa ha subito una profonda rielaborazione.

A differenza delle precedenti edizioni precedenti (che avevano decenni tra le edizioni), il DSM-5 dovrebbe essere aggiornato più regolarmente con mini aggiunte (come DSM-5.1, DSM-5.2, ecc.) Nel tentativo di essere più reattivi a ricerca.

Usi clinici del DSM

Ognuno usa il DSM a suo modo. Alcuni praticanti si attengono rigidamente al manuale, sviluppando per ogni cliente basandosi esclusivamente sulle diagnosi del libro. Altri usano il DSM come linea guida, uno strumento per aiutarli a concettualizzare i casi concentrandosi sulle circostanze uniche di ciascun cliente.

Ma nel mondo moderno, praticamente ogni terapeuta si trova a riferirsi ai codici del DSM per fatturare le cure alle compagnie assicurative. L'assicurazione sanitaria è un campo straordinariamente complicato e una serie standardizzata di codici consente agli addetti alla fatturazione e agli uffici di fatturazione dei terapisti di parlare la stessa lingua.

Vantaggi del DSM

Oltre alla standardizzazione della fatturazione e della codifica, il DSM offre una serie di importanti vantaggi sia al terapeuta che al cliente. La standardizzazione delle diagnosi aiuta a garantire che i pazienti ricevano un trattamento appropriato e utile indipendentemente dalla posizione geografica, dalla classe sociale o dalla capacità di pagare. Fornisce una valutazione concreta delle problematiche e fornisce assistenza nello sviluppo di uno standard specifico, oltre a uno standard di valutazione nella valutazione dell'efficacia del trattamento.

Inoltre, il DSM aiuta a guidare la ricerca nel campo della salute mentale. Gli elenchi diagnostici aiutano a garantire che gruppi diversi di ricercatori stiano effettivamente studiando lo stesso disturbo, anche se questo può essere più teorico che pratico, poiché molti disturbi hanno sintomi così diversi.

Per il terapeuta, il DSM elimina gran parte delle congetture. Un'adeguata diagnosi e trattamento della malattia mentale rimangono un'arte, ma i criteri diagnostici del DSM servono come una sorta di mappa guida. Nell'età della terapia breve, un clinico può vedere un cliente specifico solo una manciata di volte, il che potrebbe non essere abbastanza lungo da addentrarsi pienamente nello sfondo e nelle problematiche del cliente. Utilizzando i criteri diagnostici contenuti nel DSM, il terapeuta può sviluppare un rapido quadro di riferimento, che viene poi affinato durante le singole sessioni.

Svantaggi del DSM

L'ultima serie di critiche sembra riecheggiare un lungo dibattito sulla natura della salute mentale. Molti critici del DSM lo considerano una semplificazione eccessiva del vasto continuum del comportamento umano. Alcuni temono che, riducendo problemi complessi a etichette e numeri, la comunità scientifica rischi di perdere la cognizione dell'elemento umano unico.

I possibili rischi includono diagnosi errate o addirittura over-diagnosi, in cui vasti gruppi di persone sono etichettati come aventi un disturbo semplicemente perché il loro comportamento non sempre si allinea con l'attuale "ideale". Il disturbo da deficit di attenzione all'infanzia e iperattività () è spesso indicato come esempio. Cambiamenti nella terminologia e criteri diagnostici tra DSM-II e DSM-IV coincidono con una massiccia ripresa del numero di bambini o di altri farmaci che aumentano l'attenzione.

Altri rischi implicano la possibilità di stigmatizzazione. Sebbene i disturbi mentali non siano visti nella luce negativa che erano una volta, i disturbi specifici possono essere percepiti come etichette. Alcuni terapisti fanno molta attenzione ad evitare di allegare etichette ai propri clienti, sebbene per motivi assicurativi possa essere necessaria una diagnosi specifica.

Cosa è possibile fare per garantire una diagnosi corretta

Nonostante le crescenti preoccupazioni di alcuni segmenti della comunità della salute mentale, il DSM rimane lo standard per la diagnosi delle condizioni di salute mentale. Come ogni altro manuale professionale, tuttavia, il DSM è progettato per essere usato come uno dei tanti strumenti per una corretta diagnosi e trattamento.

Non c'è alcun sostituto per il giudizio professionale da parte del terapeuta. È importante intervistare potenziali terapeuti come faresti con qualsiasi altro fornitore di servizi. Poni domande sullo sfondo del terapeuta e sull'approccio terapeutico, e scegli quello il cui stile si fonde meglio con la tua personalità e gli obiettivi per la terapia.

Negli ultimi anni, alcune associazioni di salute mentale hanno pubblicato manuali integrativi che tentano di affrontare alcuni degli aspetti negativi del DSM con criteri diagnostici più specifici rilevanti per la scuola di pensiero dell'associazione. Ad esempio, cinque associazioni si sono unite per creare il Manuale Psicodinamico Diagnostico, o PDM, nel 2006. Questo particolare manuale è rivolto ai terapeuti che praticano, ma altri si concentrano su diverse teorie psicologiche.

L'obiettivo dei manuali è approfondire le differenze individuali che potrebbero interessare i clienti con lo stesso disturbo generale. Se hai dei dubbi sul DSM, chiedi al tuo terapeuta se usa strumenti diagnostici supplementari.

Se hai dubbi sulla tua diagnosi, chiedi al tuo terapeuta maggiori informazioni. può essere impegnativo, ma i premi valgono la pena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *